Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per farmaci orfani in Italia - Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per farmaci orfani in Italia

Aggregatore Risorse

Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per farmaci orfani in Italia

Il Rapporto OsMed 2015 ha dedicato anche quest’anno uno specifico focus di approfondimento al consumo e alla spesa dei farmaci orfani in Italia. Per l’anno considerato risultano autorizzati a livello centralizzato (EMA) 87 medicinali orfani. Di questi prodotti, 66 sono autorizzati e commercializzati in Italia. Dei 21 medicinali rimanenti, 11 prodotti sono in attesa dell’attribuzione della fascia C-nn, mentre per 2 medicinali, le rispettive aziende farmaceutiche non hanno presentato le relative domande di negoziazione della rimborsabilità e del prezzo. Infine, 8 medicinali sono accessibili sul territorio nazionale tramite i canali di erogazione alternativi al percorso autorizzativo standard che l’Agenzia Italiana del Farmaco mette a disposizione dei pazienti (Legge 648/1996 e Art. 8 della Legge 326/2003).

Nell’ambito della ricerca e sviluppo dei farmaci orfani, le aree terapeutiche maggiormente esplorate riguardano in primis quella oncologica, la metabolica, che comprende le terapie enzimatiche sostitutive e a seguire l’area inerente il sistema nervoso centrale.

La spesa per i farmaci orfani, comprensiva della quota relativa all’acquisto da parte delle strutture sanitarie pubbliche e all’erogazione in regime di assistenza convenzionata, è stata nell’anno 2015 di oltre 1,2 miliardi di euro, corrispondente al 5,5% della spesa farmaceutica. In particolare, l’impatto della spesa per i farmaci orfani, classificati nella fascia di non rimborsabilità SSN, rispetto alla spesa totale per questa categoria è dello 0,85% (0,11% nel 2014). Per quanto riguarda il consumo, nel 2015 sono state utilizzate 10,3 milioni di dosi di farmaci orfani, vale a dire appena lo 0,04% del consumo farmaceutico totale. Come analizzato per la spesa, l’incidenza del consumo dei farmaci orfani non rimborsati dal SSN sul consumo totale di questa categorie ammonta all’1,5%, dato in notevole aumento rispetto all’anno precedente (0,0007%).

Inoltre, entrando nel merito delle categorie terapeutiche, le prime tre in termini di spesa sono rappresentate dagli agenti antineoplastici e immuno-modulatori (ATC L), dai farmaci per l’apparato gastro-intestinale e metabolismo (ATC A) e dai medicinali per il sistema cardiovascolare (ATC C), che sono responsabili, rispettivamente, del 49%, 20% e 11% della spesa farmaceutica. Parallelamente, sul versante dei consumi, il 41% è dovuto, come negli anni precedenti, al consumo di agenti antineoplastici e immuno-modulatori, il 13% è attribuibile ai farmaci per il sistema cardiovascolare e l’11% ai farmaci del sistema nervoso (ATC N).

Per maggiori informazioni leggi il Rapporto Osmed 2015


Pubblicato il: 07 luglio 2016

Aggregatore Risorse

Documenti Correlati

Aggregatore Risorse

Galleria

Applicazioni nidificate

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

ABC della Ricerca Clinica - Perché la randomizzazione è essenziale?

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto