Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

ECDC. Report sulla prevalenza dell’epatite B e C in Europa - ECDC. Report sulla prevalenza dell’epatite B e C in Europa

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

ECDC. Report sulla prevalenza dell’epatite B e C in Europa

Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (ECDC) ha pubblicato un Report con i risultati di una revisione sistematica degli studi di prevalenza apparsi in letteratura tra il 2005 e il 2015, con l’obiettivo di ottenere una stima più precisa della diffusione dell’infezione da epatite B (HBV) e epatite C (HCV) nella popolazione generale, e in specifici sottogruppi, dell’Unione Europea (EU) e dello Spazio Economico Europeo (SEE). In totale, secondo i risultati emersi, sarebbero oltre 10 milioni gli europei affetti da epatite B o C croniche.

L’infezione cronica da virus dell’HBV e / o virus dell’HCV può causare gravi malattie del fegato, come la cirrosi epatica e il carcinoma epatocellulare. A differenza delle infezioni acute, che sono più evidenti ma relativamente rare, quelle croniche sono in genere asintomatiche e spesso neppure gli individui infetti sono consapevoli di esserlo.  Ciò significa che i dati derivati dalle notifiche delle diagnosi di HBV e HCV croniche, piuttosto che determinare la reale diffusione della malattia, tendono a riflettere soltanto quanto emerge da screening e test. Ulteriori fonti di dati, come quelli derivanti da studi di prevalenza, sono quindi  necessari al fine di fornire informazioni più accurate a supporto delle istituzioni nella pianificazione di  programmi di prevenzione e controllo efficaci.

La prevalenza dell’HBV è stimata allo 0,9% circa (4,7 milioni di casi), mentre quella dell’HCV a circa l’1,1% (5,6 milioni di casi), dati che tuttavia potrebbero rivelarsi sottostimati. Nel complesso, i paesi della parte orientale e meridionale della zona UE/SEE sono risultati quelli con una prevalenza di HBV e HCV maggiore rispetto ai paesi settentrionali e occidentali. La prevalenza dell’HBV, ad esempio, varia dallo 0,1% in Irlanda al 4,4% in Romania, mentre per quanto riguarda l’HCV si va dallo 0,1% in Belgio, Irlanda e Paesi Bassi al 5,9% in Italia. Il Report ha inoltre confermato la previsione di una maggiore prevalenza, rispetto alla popolazione generale, nei gruppi a più alto rischio, come le persone che si iniettano droghe, carcerati e alcune gruppi di migranti.

Il Report si conclude evidenziando la necessità di stime di prevalenza più robuste per arrivare a una migliore comprensione dell’impatto delle infezioni da epatite B o C, da ottenersi, ad esempio, effettuando e comparando più indagini di sieroprevalenza. Con informazioni più accurate, inoltre, anche le misure di prevenzione primaria e secondaria, come lo screening per identificare i pazienti che possono beneficiare delle nuove opzioni di trattamento, potranno essere più mirate.

Leggi la notizia sul sito dell’ECDC

Consulta il Report sul sito dell’ECDC


Pubblicato il: 23 novembre 2016

Aggregatore Risorse

Galleria

Applicazioni nidificate

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto