Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

"Disturbi cerebrali: una sfida economica e culturale da vincere" - "Disturbi cerebrali: una sfida economica e culturale da vincere"

Aggregatore Risorse

"Disturbi cerebrali: una sfida economica e culturale da vincere"

Il livello di assistenza offerto ai pazienti affetti da disturbi cerebrali come indice della civiltà di un Paese. È questa la chiave di lettura offerta dal Prof. Luca Pani e dal Dott. Paolo Siviero, rispettivamente Direttore Generale e Responsabile dell’Area Strategia e Politiche del Farmaco dell’AIFA, in un articolo pubblicato su “Neuropenews”, testata online della European Federation of Neurological Societies, che commenta i recenti lavori dello European Brain Council sul costo dei disturbi cerebrali in Europa.

I dati dell’OMS” sostengono Pani e Siviero “ci ricordano come i disturbi del cervello in Europa rappresentino il 35% di tutte le malattie. Un dato importante confermato dalle rilevazioni sulla spesa e il consumo di farmaci in Italia, secondo il rapporto OsMed gennaio-settembre 2011, infatti, i medicinali per il sistema nervoso centrale sono la terza voce di spesa a livello territoriale (17,9 euro pro capite), con il numero più alto di prescrizioni a carico dei farmaci antidepressivi e la maggior spesa degli antiepilettici”.

In questo quadro” proseguono gli autori “si inseriscono ulteriori fattori come lo stigma sociale associato a questo tipo di malattie e la riluttanza dei pazienti ad ammettere l’esistenza di tali disturbi, che ritardano la diagnosi e, di conseguenza, l’inizio di una terapia, riducendo l’efficacia delle cure”.

Le sperimentazioni che riguardano i brain disorders sono esigue” affermano Pani e Siviero “il 10° Rapporto OsSC (Rapporto Nazionale sulle Sperimentazioni Cliniche 2011) informa che, su un totale di 3863 sperimentazioni cliniche, condotte tra il 2006 e il 2010, quelle relative all’ambito psichiatrico e psicologico sono state 67. Le industrie farmaceutiche in Europa, dunque, appaiono sempre meno interessate alla ricerca sui disturbi del cervello e questo stato di cose rischia di ampliare la forbice tra le aspettative e i bisogni di cura dei malati, da un lato, e le terapie innovative esistenti dall’altro”.

L’intervento delle istituzioni, come l’Agenzia Italiana del Farmaco in questo campo è strategico” concludono Luca Pani e Paolo Siviero. “AIFA, nel rispetto della sua mission, promuove la ricerca indipendente, dedicando particolare attenzione agli studi osservazionali o sperimentali sui disturbi psichiatrici e i farmaci ad essi connessi. Sono attualmente in corso ad esempio uno studio di valutazione dei percorsi diagnostici e terapeutici dei bambini e degli adolescenti che utilizzano psicofarmaci, uno studio sulle modalità di somministrazione di L-dopa nella Malattia di Parkinson in fase iniziale e uno studio sull’efficacia e la tollerabilità del litio in aggiunta ai trattamenti antidepressivi nei soggetti con depressione resistente e rischio suicidario. Ci sono state anche alcune scientific advices tra enti regolatori e organismi HTA per identificare un approccio sostenibile per lo sviluppo di nuovi farmaci in questo settore. Ma questi interventi da soli non sono sufficienti. È urgente la necessità di colmare un gap tuttora presente, migliorando l’attenzione dedicata ai brain disorders nei percorsi accademici esistenti e considerando l’innovatività nel campo dei disturbi neurologici e mentali come una sfida economica e culturale da vincere”.


Pubblicato il: 03 aprile 2012

Presentazioni dei relatori

Galleria

Applicazioni nidificate

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto