Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

FDA approva impiego bevacizumab per tumore al collo dell’utero - FDA approva impiego bevacizumab per tumore al collo dell’utero

Aggregatore Risorse

FDA approva impiego bevacizumab per tumore al collo dell’utero

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato un nuovo impiego di bevacizumab per il trattamento di pazienti con tumore del collo dell'utero persistente, ricorrente o in fase avanzata (metastatico). Il cancro cervicale cresce nei tessuti della parte inferiore dell'utero (cervice). Si verifica comunemente a causa del papillomavirus umano (HPV), un virus che si diffonde attraverso il contatto sessuale.

Nonostante vi siano due vaccini autorizzati disponibili per prevenire molti tipi di HPV che possono causare il cancro cervicale, il National Cancer Institute stima che 12.360 donne americane riceveranno una diagnosi di cancro cervicale e 4.020 moriranno per la malattia nel 2014.

Bevacizumab agisce interferendo con i vasi sanguigni che alimentano lo sviluppo delle cellule cancerose. La nuova indicazione per il cancro del collo dell'utero è approvata per l'uso in combinazione con i farmaci chemioterapici paclitaxel e cisplatin o con paclitaxel e topotecan.

"Bevacizumab è il primo farmaco approvato per i pazienti con cancro della cervice in stadio avanzato dopo l'approvazione nel 2006 di topotecan con cisplatin, "ha detto Richard Pazdur, MD, direttore dell’Office of Hematology and Oncology Products del Centre for Drug Evaluation and Research dell’FDA. "È anche il primo agente biologico approvato per i pazienti con cancro del collo dell'utero in fase avanzata ed è stato approvato in meno di quattro mesi nell'ambito del programma di revisione prioritaria dell’FDA."

La sicurezza e l'efficacia di bevacizumab per il trattamento di pazienti con cancro cervicale è stata valutata in uno studio clinico che ha coinvolto 452 partecipanti con malattia persistente, ricorrente, o in fase avanzata. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere paclitaxel e cisplatin con o senza bevacizumab o paclitaxel e topotecan con o senza bevacizumab. I risultati hanno mostrato un aumento della sopravvivenza globale di 16,8 mesi nei partecipanti che avevano ricevuto chemioterapia in combinazione con bevacizumab rispetto a 12,9 mesi per quelli trattati con la sola chemioterapia.

Gli effetti collaterali più comuni associati all'uso di bavacizumab nei pazienti con cancro cervicale comprendono affaticamento, diminuzione dell'appetito, ipertensione, iperglicemia, diminuito di magnesio nel sangue, infezione del tratto urinario, mal di testa e perdita di peso. Sono stati inoltre osservati in pazienti trattati con bevacizumab perforazioni del tratto gastrointestinale e le aperture anomale tra il tratto gastrointestinale e la vagina (fistola enterovaginale).

Leggi sul sito dell’FDA


Pubblicato il: 01 settembre 2014

Aggregatore Risorse

Documenti Correlati

Aggregatore Risorse

Galleria

torna all'inizio del contenuto