Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

I farmaci possono aiutare ad alleviare la sindrome delle gambe senza riposo - I farmaci possono aiutare ad alleviare la sindrome delle gambe senza riposo

Aggregatore Risorse

I farmaci possono aiutare ad alleviare la sindrome delle gambe senza riposo

Le persone affette da sindrome delle gambe senza riposo possono trovare un po' di sollievo assumendo uno dei diversi farmaci approvati per trattare la condizione, come confermato da una revisione recente delle letteratura.

I farmaci, tra cui ropinirolo, levodopa, gabapentin e pregabalin, sembrano ridurre i sintomi della sindrome in più del 60 per cento dei pazienti, secondo quanto riportato dai ricercatori. I primi due farmaci aumentano i livelli di dopamina nel corpo, e gli ultimi due farmaci riducono la quantità di calcio che raggiunge le cellule cerebrali e innescano  la produzione di altre sostanze chimiche che aiutano a ridurre il dolore. La dopamina è una sostanza chimica del cervello che regola il movimento e l'umore.

"I medici e pazienti hanno ora una migliore informazione sull'efficacia e sui profili di rischio di due tipi di trattamenti farmacologici per i pazienti con sintomi almeno moderatamente gravi della sindrome delle gambe senza riposo, che possono guidare le scelte di trattamento", ha detto uno degli autori della revisione, il Dott. Timothy Wilt, ricercatore principale presso il Minneapolis VA Health System Care.

La sindrome delle gambe senza riposo causa nei pazienti colpiti dalla stessa un potente impulso a muovere gli arti inferiori. Le gambe diventano a disagio quando si sta sdraiati o seduti, e la condizione può disturbare il sonno e impattare negativamente sulla qualità della vita.

La revisione è stata pubblicata nel numero online del 4 marzo di JAMA Internal Medicine.
Per l'analisi, la squadra di Wilt ha recensito 29 studi clinici. I ricercatori hanno scoperto che il 61 per cento dei pazienti trattati con agonisti della dopamina, hanno mostrato un miglioramento di almeno il 50 per cento dei sintomi, rispetto al 41 per cento di quelli trattati con un placebo inattivo.

Inoltre, coloro che hanno assunto gli agonisti della dopamina hanno dormito meglio e ottenuto un punteggio superiore in termini di qualità della vita. Gli agonisti della dopamina sono stati originariamente sviluppati per curare il morbo di Parkinson.
Gli effetti collaterali degli agonisti della dopamina possono includere euforia, allucinazioni, perdita di peso, nausea, insonnia, stanchezza o debolezza, vertigini e sonnolenza.

Gabapentin e pregabalin hanno anche aiutato ad alleviare i sintomi in 61 per cento dei pazienti, contro il 37 per cento di quelli trattati con un placebo, i ricercatori hanno trovato.

Gli effetti indesiderati più comuni di questi farmaci comprendono affaticamento, gonfiore alle gambe, vertigini e aumento di peso.
Il Dott. Wilt ha notato la mancanza di informazioni sulla efficacia dei trattamenti in donne in gravidanza, nei pazienti giovani o vecchi, quelli con sintomi più lievi o con altre condizioni mediche gravi. "Esortiamo alla cautela nell'estendere le nostre conclusioni a queste persone", ha osservato l’autore.

"I rischi legati a questi farmaci possono superare i benefici per individui con sindromi da lievi a moderate” ha aggiunto il Dott.  Wilt. "Fino al 25/50 per cento dei pazienti affetti da sintomi da moderati a gravi e di lunga data interrompe l'assunzione di questi farmaci dopo più di un anno a causa di effetti collaterali e/o mancanza di beneficio", ha osservato.

“Tuttavia” ha concluso il Dott. Wilt “per le persone affette da sindrome delle gambe senza riposo da moderata a grave, questi farmaci forniscono prestazioni importanti, almeno nel breve termine”.

Leggi l’articolo su JAMA Internal Medicine


Pubblicato il: 23 aprile 2013

Presentazioni dei relatori

Galleria

Applicazioni nidificate

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto