Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Infezioni tratto respiratorio: secondo studio UK per MMG è sicuro ridurre le prescrizioni di antibiotici - Infezioni tratto respiratorio: secondo studio UK per MMG è sicuro ridurre le prescrizioni di antibiotici

Aggregatore Risorse

Infezioni tratto respiratorio: secondo studio UK per MMG è sicuro ridurre le prescrizioni di antibiotici

Un nuovo studio ha scoperto che ridurre la prescrizione di antibiotici per le infezioni del tratto respiratorio - come tosse, raffreddore, mal di gola e le infezioni dell’orecchio - non è legata ad un aumento delle più gravi complicanze batteriche, come la meningite batterica. La ricerca, pubblicata sul BMJ, ha esaminato la possibilità che una riduzione nella prescrizione di antibiotici ai pazienti affetti da infezioni del tratto respiratorio che visitano il loro medico di famiglia possa avere delle ricadute in termini di sicurezza.

La maggior parte delle infezioni delle vie respiratorie sono causate da virus e generalmente si risolvono entro pochi giorni senza trattamento. La terapia antibiotica ha effetti minimi o nulli sulla durata e la gravità dei sintomi in queste condizioni e può essere associata ad effetti collaterali.

Inoltre, come noto, l’uso inappropriato di antibiotici contribuisce allo sviluppo di ceppi di batteri resistenti. La resistenza agli antimicrobici (AMR) e agli antibiotici in particolare, è una delle emergenze sanitarie più rilevanti a livello globale. L’aumento delle resistenze può potenzialmente rendere inefficaci gli antibiotici per il trattamento delle infezioni, anche le più comuni, e rendere estremamente pericolose operazioni chirurgiche ormai divenute di routine.

Lo studio in questione, finanziato dal National Institute for Health Research e condotto da ricercatori del King’s College di Londra, ha analizzato i dati dei pazienti provenienti da 610 medici di medicina generale del Regno Unito, con più di quattro milioni di pazienti, in 10 anni. Gli studi con i tassi più bassi di prescrizione di antibiotici per le infezioni del tratto respiratorio non hanno riportato tassi più elevati di complicazioni batteriche gravi, come meningite, mastoiditi, empiema, ascesso cerebrale o sindrome di Lemierre.

La ricerca ha rilevato che gli studi MMG nei quali è stato prescritto un numero inferiore di antibiotici presentavano tassi leggermente più elevati di polmonite e tonsillite, entrambe queste condizioni sono curabili con antibiotici una volta identificati.

I ricercatori hanno stimato che se uno studio di medie dimensioni al quale afferiscono 7.000 pazienti riducesse le prescrizioni di antibiotici per i pazienti affetti da infezioni del tratto respiratorio del 10 per cento, si potrebbe verificare un caso di polmonite in più ogni anno. Inoltre è stato stimato che la riduzione potrebbe essere collegata a un caso in più di ascesso peritonsillare ogni 10 anni.

La limitazione del ricorso agli antibiotici, inoltre, riduce significativamente gli effetti collaterali che si verificano in un paziente su dieci, tra i quali ricordiamo eruzioni cutanee, diarrea e vomito, mentre in rari casi si può verificare l’anafilassi.

Il professor Martin Gulliford, autore principale dello studio e membro della Division of Health and Social Care Research presso il King’s College di Londra, ha sottolineato che “l’abuso di antibiotici nel presente potrebbe tradursi in un aumento delle infezioni da batteri resistenti in futuro. I nostri risultati suggeriscono che la riduzione delle prescrizioni non è associata ad alcun aumento del rischio di complicazioni più gravi. Si possono riscontrare tassi leggermente più elevati di polmonite e ascesso peritonsillare, ma entrambe queste complicanze possono essere facilmente trattate una volta identificate”.

Dr Mark Ashworth, medico di medicina generale e autore dello studio ha ricordato che “nella pratica quotidiana, osservo pochissime complicanze nei pazienti che presentano infezioni del tratto respiratorio superiore e che decidono di optare per un approccio non basato sulla terapia antibiotica per trattare le loro infezioni. I pazienti stanno riconoscendo che la maggior parte delle infezioni delle vie respiratorie superiori sono virali e le infezioni di questo tipo non rispondono agli antibiotici. Il nostro studio dovrebbe rassicurare medici e pazienti che le complicanze batteriche delle infezioni respiratorie sono davvero rare. Fortunatamente, se ci sono segni di una complicazione, il MMG può intervenire rapidamente e offrire un antibiotico adeguato”.

Leggi lo studio sul BMJ


Pubblicato il: 18 luglio 2016

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

Galleria

Applicazioni nidificate

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

ABC della Ricerca Clinica - Perché la randomizzazione è essenziale?

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto