Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Revisione sistematica sul Metotrexato nel mantenimento della remissione nei pazienti con la malattia di Crohn - Revisione sistematica sul Metotrexato nel mantenimento della remissione nei pazienti con la malattia di Crohn

Aggregatore Risorse

Revisione sistematica sul Metotrexato nel mantenimento della remissione nei pazienti con la malattia di Crohn

È stata pubblicata su PubMed una revisione sistematica sull’efficacia e la sicurezza del metotrexato nel mantenimento della remissione nei pazienti con il morbo di Crohn, una malattia infiammatoria cronica dell’intestino che si verifica solitamente nella parte inferiore dell’intestino tenue (ileo) e che può colpire qualsiasi parte del tratto digerente, causando dolore addominale e diarrea.

Sono necessari trattamenti sicuri ed efficaci nel lungo periodo che riducano il bisogno di corticosteroidi nella malattia di Crohn. Benché gli antimetaboliti purinici siano moderatamente efficaci per il mantenimento della remissione, i pazienti spesso hanno recidive nonostante il trattamento con questi farmaci. La prevenzione della recidiva clinica nei pazienti in remissione è un obiettivo importante nella gestione della malattia di Crohn. Il methotrexato è un farmaco che sopprime le risposte immunitarie naturali del corpo, può sopprimere l’infiammazione associata alla malattia e potrebbe rappresentare un’alternativa sicura ed efficace ai trattamenti di mantenimento più costosi con antagonisti di TNF-alfa.

La revisione sistematica sul metotrexato nel mantenimento della remissione nei pazienti con malattia di Crohn ha individuato cinque studi, che hanno incluso un totale di 333 partecipanti.

Due studi hanno confrontato metotrexato (pillola o iniezione intramuscolare) con un placebo (una pillola di zucchero o una iniezione di soluzione salina). Uno di questi due studi ha anche confrontato metotrexato con la 6-mercaptopurina (farmaco immunosoppressore). Un piccolo studio ha poi confrontato il metotrexato sia con la 6-mercaptopurina che con l’acido 5-aminosalicilico (un farmaco antinfiammatorio).

Due studi hanno confrontato la terapia di combinazione con metotrexato e infliximab (un farmaco biologico che è un fattore di necrosi tumorale-alfa antagonista) con infliximab utilizzato da solo e gli autori hanno concluso che la terapia di combinazione non sembra essere più efficace per il mantenimento della remissione rispetto alla monoterapia con infliximab.

Uno studio di elevata qualità (76 pazienti) ha mostrato che il metotrexato (15 mg a settimana) iniettato per via intramuscolare per 40 settimane ha dato risultati migliori rispetto al placebo nella prevenzione delle ricadute tra i pazienti in cui la malattia è diventata inattiva durante l’assunzione di dosi più elevate di metotrexato per via intramuscolare (25 mg a settimana). Gli effetti indesiderati si sono verificati in un piccolo numero di pazienti, in genere di natura lieve e hanno compreso nausea, vomito, raffreddore, dolori addominali, mal di testa, dolori articolari e stanchezza.

Uno studio di piccole dimensioni (22 pazienti) non ha invece rilevato differenze tra metotrexato a basso dosaggio (12,5 mg a settimana) assunto per via orale e placebo, suggerendo che il basso dosaggio di metotrexato orale non è un trattamento efficace per la malattia di Crohn inattiva. Tuttavia, questo risultato è incerto a causa del ristretto numero di pazienti valutati. Solo studi su larga scala sul metotrexato somministrato per via orale a dosi più elevate per il mantenimento della remissione nella malattia di Crohn potranno fornire evidenze più convincenti su tale uso del farmaco.

Approfondisci su PubMed


Pubblicato il: 29 agosto 2014

Aggregatore Risorse

Documenti Correlati

Aggregatore Risorse

Galleria

torna all'inizio del contenuto