Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Antimicrobico largamente diffuso promuove l'accumulo di Staphylococcus Aureus nel naso - Antimicrobico largamente diffuso promuove l'accumulo di Staphylococcus Aureus nel naso

Aggregatore Risorse

Antimicrobico largamente diffuso promuove l'accumulo di Staphylococcus Aureus nel naso

Triclosano è un antimicrobico largamente diffuso, presente in prodotti che vanno da saponi e dentifrici alle attrezzature mediche e rilevato nelle urine, nel siero e nel latte materno. Entra nel nostro organismo attraverso l'ingestione o l'esposizione della pelle. Secondo un recente studio triclosan, contrariamente a quanto pensato, sembrerebbe poter aiutare la sopravvivenza del batterio Staphylococcus aureus, che causa diverse malattie.

Un team guidato dal microbiologo Blaise Boles, dell'Università del Michigan ad Ann Arbor, ha effettuato il tamponamento del naso di 90 adulti e ha scoperto che avere tracce di triclosano nel muco potrebbe raddoppiare la probabilità di una persona di essere portatrice dello stafilococco. I microbi, è la conclusione dei ricercatori, potrebbero essersi adattati al triclosano, rimanendo ben saldi all’interno del naso . I risultati dello studio sono apparsi sulla rivista mBio.

“Dal momento che triclosano normalmente uccide i batteri il risultato è a sorpresa” ha affermato Boles. “Una persona portatrice del microbo all’interno del naso” ha proseguito “ha un rischio molto più elevato di infezione da stafilococco, che può verificarsi nella pelle e nel sangue e causare polmonite o produrre sindrome da shock tossico”.

Nello studio, 37 persone, pari al 41 per cento, presentavano livelli rilevabili di triclosano nelle loro secrezioni nasali. Tra le persone in cui la quantità rilevata di composto antimicrobico era scarsa o nulla, una quota compresa tra il 27 e il 32 per cento aveva dello stafilococco nelle narici . Questa quota è in contrasto con studi precedenti che hanno trovato che lo stafilococco colonizza circa il 30 per cento della popolazione generale. Ma il 64 per cento delle persone in cui sono stati riscontrati livelli elevati di triclosano sono risultate portatrici del microbo.

I ricercatori hanno trovato un legame simile in esperimenti effettuati sui ratti, utilizzando una razza conosciuta per la capacità di liberarsi dall'invasione nasale lieve da stafilococco in circa una settimana. Quando i ricercatori hanno dato da mangiare agli animali del cibo contenente triclosano e hanno inserito un piccolo gruppo di stafilococchi nei nasi dei roditori, i topi non sono riusciti a sbarazzarsi dei microbi.

In laboratorio , i ricercatori hanno concluso che gli stafilococchi cresciuti con dosi letali di triclosano si legavano meglio alle proteine umane, nonché alle superfici di vetro e plastica. “Dosi letali di triclosano nel muco potrebbero aver aiutato lo stafilococco ad ambientarsi nel naso , dandogli un vantaggio rispetto ad altri microbi che colonizzano le narici” ha aggiunto Boles.

Mentre l’attenzione degli esperti è concentrata sull'abuso di antibiotici, che può stimolare i microbi a diventare resistente ai farmaci, gli usi del triclosano e composti simili nei prodotti per la cura personale "sono quasi una zona non controllata" secondo Boles.

“E a differenza degli antibiotici” ha aggiunto “usare triclosano per uccidere i microbi può anche non funzionare in maniera efficace. Non c'è alcuna indicazione che sia più efficace della comune acqua e sapone".

La Food and Drug Administration ha chiesto da tempo alle aziende di fornire la prova che l'aggiunta di triclosano ai saponi dia garanzie di sicurezza ed efficacia.

Leggi lo studio originale

Leggi la comunicazione dell’FDA


Pubblicato il: 16 aprile 2014

Presentazioni dei relatori

Galleria

Applicazioni nidificate

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto