Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Comunicazione EMA sull’uso di Keytruda e Tecentriq nel cancro della vescica - Comunicazione EMA sull’uso di Keytruda e Tecentriq nel cancro della vescica

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

Comunicazione EMA sull’uso di Keytruda e Tecentriq nel cancro della vescica

L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha raccomandato di limitare l’uso di Keytruda (pembrolizumab) e Tecentriq (atezolizumab) quando indicati come trattamenti di prima linea nel cancro uroteliale (cancro della vescica e delle vie urinarie). I dati preliminari di due studi clinici mostrano una ridotta sopravvivenza in pazienti con bassi livelli di una proteina chiamata PD-L1.

I dati indicano che Keytruda e Tecentriq possono non funzionare bene come i farmaci chemioterapici in questo gruppo di pazienti.

Di conseguenza, l’EMA ha raccomandato di limitare l’uso di questi medicinali quando indicati come trattamenti di prima linea nel cancro uroteliale. 


Pubblicato il: 07 giugno 2018

Aggregatore Risorse

Galleria

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto