Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

EMA raccomanda l'approvazione del primo radiofarmaco per la scansione PET della densità della placca neuritica β-amiloide - EMA raccomanda l'approvazione del primo radiofarmaco per la scansione PET della densità della placca neuritica β-amiloide

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

EMA raccomanda l'approvazione del primo radiofarmaco per la scansione PET della densità della placca neuritica β-amiloide

Il Comitato per i Prodotti Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio di florbetapir 18F come agente diagnostico in pazienti che sono in corso di valutazione per la malattia di Alzheimer (AD) e altre cause di declino cognitivo.

Florbepatir è un agente radiofarmaco utilizzato nella tomografia ad emissione di positroni (PET) nel cervello di adulti. Può evidenziare placche di proteine amiloidi nel cervello e aiutare nella diagnosi della malattia di Alzheimer (AD).
La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza negli anziani, che colpisce fino a 5,1 milioni di persone nell'Unione europea. Una diagnosi accurata di AD è stata ostacolata fino ad oggi dalla mancanza di test diagnostici. Il “gold standard” attuale per confermare una diagnosi clinica di AD è l’autopsia post-mortem.

La PET utilizzando il radiofarmaco florbetapir può fornire informazioni utili sulla densità della placca neuritica nel cervello di pazienti che sono in fase di test per il declino cognitivo. A seguito di un’iniezione endovenosa l’agente radioattivo si lega al β-amiloide nel cervello. Il β-amiloide è presente nel cervello di persone con AD e altri disturbi cognitivi.

È importante sottolineare che, una scansione PET negativa al radiofarmaco può escludere la presenza di AD e ci si aspetta che riduca la frequenza di false diagnosi positive. Tuttavia, una scansione positiva è coerente con, ma non stabilisce indipendentemente, la diagnosi di AD dal momento che la deposizione di β-amiloide nella placca neuritica potrebbe anche essere presente nel cervello di anziani asintomatici e anche nel caso di alcune demenze neurodegenerative, tra cui il morbo di Parkinson e la demenza del corpo di Lewy.

Considerato il peso dell’AD sui sistemi sanitari, vi è grande interesse per la qualificazione dei biomarcatori che consentono lo studio dell’AD in precedenza al processo di malattia agenti potenzialmente in grado di modificare la malattia può cambiare il decorso a lungo termine della malattia e impedire la caduta neurodegenerativa associata ad essa.

Leggi la raccomandazione del CHMP dell’EMA


Pubblicato il: 12 novembre 2012

Aggregatore Risorse

Galleria

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto