Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Gli antiossidanti possono ridurre il rischio di attacco di cuore nelle donne - Gli antiossidanti possono ridurre il rischio di attacco di cuore nelle donne

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

Gli antiossidanti possono ridurre il rischio di attacco di cuore nelle donne

Una dieta ricca di antiossidanti, in particolare provenienti da frutta e verdura, può ridurre il rischio di attacco cardiaco nelle donne, secondo uno studio pubblicato nel numero di ottobre di The American Journal of Medicine.

Il nuovo studio ha coinvolto più di 32.500 donne svedesi di età compresa tra i 49 e gli 83 anni, che hanno compilato un questionario sulle loro abitudini alimentari. Durante 10 anni di follow-up, oltre 1.100 donne tra le partecipanti allo studio hanno subito un attacco di cuore.
Le donne con i più alti livelli di antiossidanti hanno mostrato un rischio di attacco cardiaco ridotto di circa il 20 per cento. Queste donne hanno consumato quasi sette porzioni al giorno di frutta e verdura, vale a dire quasi il triplo rispetto alle 2,4 porzioni al giorno consumate da quelle con i livelli di antiossidanti più bassi.

"Il nostro studio è stato il primo a guardare l'effetto di tutti gli antiossidanti in relazione all’infarto," ha dichiarato il Alicja Wolk, della divisione di Epidemiologia nutrizionale presso il Karolinska Institute di Stoccolma, in Svezia.
“Ci sono numerosi tipi di diete dimagranti, ma quelli che sottolineano aumento del consumo di frutta e verdura possono essere le più efficaci” ha commentato il Direttore responsabile dell’American Journal of Medicine, Pamela Powers Hannley.
"Ma solo il 14 per cento degli americani adulti e il 9,5 per cento degli adolescenti mangia cinque o più porzioni di frutta o verdura al giorno", ha aggiunto.

La ricerca ha evidenziato un'associazione tra aumento del consumo di antiossidanti e un rischio ridotto di attacco di cuore, ma non ha dimostrato l'esistenza di un rapporto di causa-effetto.

Leggi l’abstract dello studio dall’American Journal of Medicine


Pubblicato il: 24 ottobre 2012

Aggregatore Risorse

Galleria

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto