Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Il litio può ridurre il rischio di suicidio per le persone affette da disturbi dell'umore - Il litio può ridurre il rischio di suicidio per le persone affette da disturbi dell'umore

Aggregatore Risorse

Il litio può ridurre il rischio di suicidio per le persone affette da disturbi dell'umore

Una nuova revisione sistematica dei dati suggerisce che un farmaco vecchio e poco costoso, il litio, può aiutare a ridurre il rischio di suicidio nelle persone affette da disturbi dell'umore come la depressione o il disturbo bipolare, secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal.

Il trattamento con farmaci stabilizzanti dell'umore come il litio, anticonvulsivanti o antipsicotici può aiutare a mantenere l'umore nei limiti della norma, ma il loro ruolo nella prevenzione del suicidio è poco chiaro, a detta delle informazioni di base pubblicate nello studio.

L'esame è stato condotto dl Dott. Andrea Cipriani, del Dipartimento di Psichiatria dell'Università di Oxford nel Regno Unito. Il suo team ha analizzato i risultati di 48 studi clinici che hanno coinvolto più di 6.600 persone.

I ricercatori hanno scoperto che il litio potrebbe essere collegato con una riduzione del 60 per cento del rischio di suicidio e di altre cause di morte rispetto alle persone che hanno preso un placebo.

Hanno anche scoperto che il litio può ridurre il rischio di autolesionismo nelle persone affette da disturbi dell'umore. "La revisione conferma il litio come agente efficace per ridurre il rischio di suicidio nelle persone con disturbi dell'umore", ha affermato il team di ricercatori.

Non c’è ancora chiarezza rispetto al funzionamento del meccanismo che riduce il rischio di suicidio. Il litio può ridurre le recidive di disturbi dell'umore, ma c'è anche "qualche evidenza che il litio diminuisca l'aggressività e, eventualmente, l’impulsività, che potrebbe essere un ulteriore meccanismo anti-suicida", hanno detto i ricercatori.

Il farmaco ha molti effetti collaterali, tuttavia, per questo i ricercatori hanno sottolineato che i medici "hanno bisogno di avere una visione equilibrata dei benefici e dei rischi del litio nel singolo paziente."

Leggi lo studio sul BMJ


Pubblicato il: 31 luglio 2013

Presentazioni dei relatori

Galleria

Applicazioni nidificate

Cookie Bar

Modulo gestione cookie

Descrizione cookieBar

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, necessari al suo funzionamento, per i quali non è richiesto il consenso. Per alcuni servizi aggiuntivi, le terze parti fornitrici, dettagliatamente sotto individuate, possono utilizzare cookies tecnici, analytics e di profilazione. Per saperne di più consulta la PRIVACY POLICY. Per proseguire nella navigazione devi effettuare la scelta sui cookie di terze parti dei quali eventualmente accetti l’utilizzo. Chiudendo il banner attraverso la X in alto a destra rifiuti tutti i cookie di terze parti. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento attraverso il link "Gestione cookie" presente nel footer.

Social networks
torna all'inizio del contenuto