Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per età e genere - Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per età e genere

Aggregatore Risorse

Rapporto OsMed 2015: consumo e spesa per età e genere

Anche per il 2015, l’AIFA attraverso il Rapporto OsMed ha dedicato un focus specifico sui dati di spesa e consumo dei farmaci per fasce d’età e genere al fine evidenziare alcune tendenze nell’impatto delle patologie e di conseguenza nella prevalenza d’uso e nelle reazioni avverse da farmaci legate alle caratteristiche specifiche di sottogruppi di popolazioni o di popolazioni speciali. Il Rapporto evidenzia che l’utilizzazione dei medicinali si concentra in maniera significativa in alcune fasce di età della popolazione e in funzione del sesso, nello specifico delle malattie di genere.

Nel complesso della popolazione, la prevalenza d’uso dei farmaci è stata in media del 63,4% (58,9% negli uomini e 67,5% nelle donne), passando da circa il 50% nei bambini e negli adulti fino ai 54 anni, a quasi il 90% nella popolazione anziana con età superiore ai 74 anni (ovvero la quasi totalità degli over 74 assume almeno un medicinale). Differenze di genere sono evidenziabili nella fascia di età tra i 15 e i 64 anni, in cui le donne mostrano una prevalenza media d’uso dei medicinali superiore a quella degli uomini, con una differenza assoluta del 10%. Anche nei bambini (0-4 anni) si registra una prevalenza d’uso dei medicinali superiore a quella registrata per la fascia d’età 5-44 anni (soprattutto tra i maschi): oltre la metà dei bambini ha ricevuto almeno una prescrizione nel corso dell’anno.

Le donne fanno registrare una prevalenza d’uso più alta rispetto agli uomini nell’impiego dei farmaci antineoplastici e immunomodulatori, per il Sistema Nervoso Centrale (a partire dai 35 anni di età) e per l’apparato muscolo-scheletrico. Emerge, inoltre, l’uso pressoché esclusivo dei farmaci per il sistema genito-urinario e ormoni sessuali  nelle donne tra i 15 e i 64 anni, giustificabile con l’uso dei preparati ormonali con la tendenza che dopo i 55 anni vede un netto spostamento d’uso verso gli uomini, essenzialmente per il trattamento dell’ipertrofia prostatica.

 E’ importante notare che con l’aumentare dell’età l’incremento delle prescrizioni è più marcato negli uomini per i farmaci per il sangue e organi emopoietici, probabilmente per l’impiego nelle patologie cardiovascolari. Per quanto riguarda la spesa pro capite sostenuta dal SSN l’andamento della spesa e dei consumi è fortemente dipendente dalla fascia d’età in cui è compreso il paziente. Il genere, rispetto all’età incide in maniera marginale sul consumo indistinto dei farmaci ed il Rapporto evidenzia in maniera analitica i numeri  e le analisi di dettaglio per singola categoria terapeutica.

Per maggiori informazioni leggi il Rapporto OsMed 2015


Pubblicato il: 15 luglio 2016

Aggregatore Risorse

Documenti Correlati

Aggregatore Risorse

Galleria

Applicazioni nidificate

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

ABC della Ricerca Clinica - Perché la randomizzazione è essenziale?

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto