Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Domande e risposte sui farmaci a base di vitamina D

Domande e Risposte

 

Farmaci a base di vitamina D

Domande e Risposte su farmaci a base di vitamina D

Che cos’è la vitamina D?

È un ormone prodotto a livello della cute a seguito dell'esposizione solare. Piccole quantità possono essere assunte anche con la dieta (olio di fegato di merluzzo, salmone, pesce azzurro, tuorlo d’uovo, latte e latticini, maiale, fegato di manzo, ecc.).

A cosa serve la vitamina D?

  • regola l’assorbimento intestinale di calcio e fosforo, favorendo la normale formazione e mineralizzazione dell'osso.
  • Contribuisce alla normale contrattilità muscolare.
  • Agisce sul sistema immunitario.

Come garantirsi un apporto sufficiente di vitamina D?

Un’esposizione solare regolare è il modo più naturale ed efficace. La dieta non può essere considerata una fonte adeguata perché la presenza nella maggior parte degli alimenti è piuttosto limitata.

Quando occorre misurare il livello di vitamina D nell’organismo?

Il dosaggio va effettuato solo in presenza di specifiche condizioni di rischio, su indicazione del medico.

Come si misura il livello di vitamina D?

Il livello di vitamina D si misura mediante un esame del sangue (dosaggio nella forma 25(OH)D).

Quali sono i valori desiderabili?

I “valori desiderabili” sono compresi tra 20 e 40 ng/mL.

Quando è indicata l’integrazione farmacologica della vitamina D indipendentemente dal dosaggio?

  • Anziani ospiti di residenze sanitario-assistenziali
  • donne in gravidanza o in allattamento
  • persone con osteoporosi o osteopatie per cui non è indicata una terapia remineralizzante

Quando è indicata l’integrazione farmacologica della vitamina D a seguito del dosaggio?

  • livelli di vitamina D inferiori a 20 ng/mL e sintomi di ipovitaminosi (astenia, mialgie, dolori diffusi o localizzati, frequenti cadute immotivate)
  • iperparatiroidismo secondario a ipovitaminosi D
  • osteoporosi o osteopatie per correggere l'ipovitaminosi prima dell’inizio della terapia remineralizzante
  • terapia di lunga durata con farmaci interferenti col metabolismo della vitamina D (antiepilettici, glucocorticoidi, antiretrovirali, antimicotici, ecc.)
  • malattie che possono causare malassorbimento nell’adulto (fibrosi cistica, celiachia, morbo di Crohn, chirurgia bariatrica, ecc.)

In quali casi è inefficace o inappropriata la somministrazione di farmaci a base di vitamina D?

La somministrazione di vitamina D è inefficace e inappropriata per la prevenzione cardiovascolare e cerebrovascolare e per la prevenzione dei tumori.

I medicinali a base di vitamina D possono essere acquistati senza prescrizione del medico?

No, necessitano di prescrizione medica.

Nested Applications

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

Farmaci & Estate

I consigli di AIFA sulla conservazione dei medicinali nella stagione estiva

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto