Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato due nuovi studi clinici per il trattamento del COVID-19 - L’Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato due nuovi studi clinici per il trattamento del COVID-19

Aggregatore Risorse

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato due nuovi studi clinici per il trattamento del COVID-19

Sono due gli studi clinici per il trattamento della malattia COVID-19 che hanno completato il processo autorizzativo.

Il primo è uno studio adattativo di fase 3, a più bracci di studio, che valuterà l’efficacia di una serie di farmaci (idrossiclorochina, lopinavir/ritonavir, darunavir/cobicistat, favirapivir) come terapie domiciliari in pazienti affetti da COVID-19 allo stadio iniziale. Obiettivo della sperimentazione – coordinata dall’INMI “Lazzaro Spallanzani” di Roma - è prevenire la progressione dell’infezione verso forme cliniche gravi o critiche che necessitino di ricorso a cure ospedaliere o all’intubazione.

Il secondo è uno studio di fase 2, non randomizzato, coordinato dall’IRCCS San Raffaele di Milano, che valuta l’efficacia e la sicurezza di defibrotide in infusione intravenosa per ridurre la progressione dell’insufficienza respiratoria in pazienti con polmonite severa da COVID-19. Defibrotide è un farmaco con attività antitrombotica autorizzato in Europa per il trattamento della malattia veno-occlusiva (VOD) epatica severa, nota anche come sindrome da ostruzione dei sinusoidi (SOS) nel trapianto di cellule staminali emopoietiche (TCSE).

Maggiori informazioni sono presenti nella sezione "Sperimentazioni cliniche - COVID-19" raggiungibile dal box “Link correlati”


Pubblicato il: 08 maggio 2020

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

Galleria

Nested Applications

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

Spot AIFA su antibiotico resistenza

Campagna informativa AIFA sull'uso consapevole degli antibiotici

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto