Seguici su

 
 
 
Agenzia Italiana del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco

Certificati di Prodotto Farmaceutico con AIC

Modalità per la richiesta dei Certificati di Prodotto Farmaceutico (CPP) con AIC in Italia registrato con procedura nazionale, di mutuo riconoscimento o decentrata

La certificazione viene rilasciata dall’Agenzia avendo tenuto in considerazione il modello (Model certificate of a pharmaceutical product) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e la relativa linea guida di implementazione dello schema di certificazione sulla qualità dei prodotti farmaceutici movimentati nel commercio internazionale (Guidelines on the implementation of the WHO certification scheme on the quality of pharmaceutical products moving in international commerce). In accordo all’articolo n. 156 del Decreto Legislativo n. 219/2006 la certificazione è rilasciata per l’applicazione nell’ambito di una procedura regolatoria (registrazione, rinnovo, variazione, etc) nel Paese di destinazione del prodotto, con la finalità di attestare la conformità del produttore della forma farmaceutica alle Norme di Buona Fabbricazione.

La richiesta di un Certificato di Prodotto Farmaceutico avviene tramite l’invio via PEC all’indirizzo protocollo@pec.aifa.gov.it:

  • della domanda firmata digitalmente a firma del legale rappresentante del titolare AIC o di altro soggetto munito dei poteri di rappresentanza, ovvero da procuratore con procura speciale
  • di un allegato in formato zip contenente:
    • un unico file in formato doc del modulo del CPP comprensivo degli allegati (dichiarazione sulla composizione quali-quantitativa e, se richiesta, la lista dettagliata relativa alle autorizzazioni e certificazioni GMP delle officine)
    • la documentazione prevista dalla domanda
    • prova dell’assolvimento dell’imposta di bollo con le modalità consentite

Nel campo “Oggetto” della PEC dovrà essere sempre inserito l’acronimo “CIP/richiesta di CPP” seguito da nome, confezione e codice AIC a nove cifre del medicinale.

La medesima documentazione è inviata via Eudralink alla casella cpp.aic@aifa.gov.it, comprensiva della ricevuta di consegna della PEC.

L’invio cartaceo della domanda è consentito ma non è raccomandato, in tal caso la documentazione depositata e la prova di deposito devono essere inviate anche via Eudralink a cpp.aic@aifa.gov.it.

Per quanto riguarda le modalità di redazione, il modulo del CPP dovrà essere in italiano, come previsto dal punto 3.10 delle linee guida OMS. Le informazioni riportate devono corrispondere a quanto autorizzato nei provvedimenti di AIC. In ogni caso si ricorda che le informazioni relative alla esatta descrizione della confezione, ai riferimenti al titolare AIC, etc sono consultabili anche tramite la banca dati farmaci AIFA.

L’AIFA nel corso dell’istruttoria verificherà le informazioni fornite dal richiedente nel modulo e la validità della documentazione a supporto dell’istanza e completerà le sezioni di pertinenza dell’autorità certificante (sezioni 14 e 15, firma e data di rilascio).

Maggiori informazioni e tutta la documentazione aggiornata necessaria alla gestione dei CPP sono reperibili nella sezione Modulistica Certificazioni e Importazioni Parallele.

La richiesta di un Certificato di Prodotto Farmaceutico deve riguardare una sola confezione del medicinale ed è valida solo per i Paesi extra UE/EEA. È possibile richiedere più CPP nell’ambito di un’unica domanda per una sola confezione di medicinale (unico codice AIC a nove cifre), indicando in domanda tutti i Paesi di destinazione. In tal caso si raccomanda di cumulare, tramite un unico POL, la tariffa di pagamento moltiplicando l’importo singolo per il numero totale di Paesi oggetto della richiesta dichiarati in domanda.

Ai fini del rilascio del CPP con modalità digitale, il richiedente, all’atto della presentazione dell’istanza, è tenuto ad assolvere l’imposta di bollo per un totale equivalente ad una marca da bollo da 16 euro per l’istanza e pari a 16 euro per ciascun atto che sarà notificato digitalmente, con le modalità consentite (ad esempio tramite F23 o invio dell’autocertificazione dell’assolvimento del bollo e della scansione del  contrassegno delle marche da bollo annullate con firma di congiungimento, avendo cura di lasciare visibile il codice seriale identificativo). In pratica, se l’istanza prevede il rilascio di tre CPP per tre Paesi di destinazione, l’imposta di bollo dovuta è pari all’equivalente di quattro marche da bollo da 16 euro.

Ufficio di riferimento

Uffici di riferimento

Ufficio Certificazioni e Importazioni Parallele

Antonio Galluccio

a.galluccio@aifa.gov.it

Nested Applications

Ultimi tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

Spot AIFA su antibiotico resistenza

Campagna informativa AIFA sull'uso consapevole degli antibiotici

Vai al canale Youtube

torna all'inizio del contenuto