Uso non ripetitivo di terapie avanzate

Uso non ripetitivo di terapie avanzate

L’accesso a medicinali di terapia avanzata non ancora autorizzati o non oggetto di specifica sperimentazione clinica in corso in Italia è possibile previa autorizzazione dell’AIFA alla produzione e all’impiego, in mancanza di valida alternativa terapeutica, nei casi di urgenza ed emergenza che pongono il paziente in pericolo di vita o di grave danno alla salute.

Tali medicinali devono rispondere alla definizione di “preparazione su base non ripetitiva” intesa come la preparazione non-routinaria realizzata, anche per un ciclo di somministrazioni, conformemente a specifici requisiti di qualità, da utilizzare esclusivamente in un ospedale pubblico, clinica universitaria o istituto di ricovero e cura a carattere scientifico siti nel territorio nazionale, sotto l’esclusiva responsabilità professionale di un medico, in esecuzione di una prescrizione medica individuale per un prodotto specifico destinato a un determinato paziente.

 L’accesso è regolato dal  D.M. del 16 gennaio 2015, che stabilisce le specifiche tecniche per il rilascio dell’autorizzazione alla produzione e all’impiego di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva, introduce l’obbligo di autorizzazione all’impiego di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva e stabilisce le modalità di monitoraggio dei dati clinici sull’esito e sugli eventi avversi dei trattamenti effettuati con i medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva.

Autorizzazione alla produzione

Autorizzazione alla produzione

L’autorizzazione alla produzione di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva è obbligatoria ed è rilasciata dall’AIFA alle nuove officine farmaceutiche che intendono produrre tali medicinali da utilizzare esclusivamente in un ospedale pubblico, clinica universitaria o istituti di ricovero e cura a carattere scientifico siti nel territorio nazionale, sotto l’esclusiva responsabilità professionale di un medico, in esecuzione di una prescrizione medica individuale per un prodotto specifico destinato ad un determinato paziente.

Al fine di ottenere il rilascio dell’autorizzazione alla produzione, il legale rappresentante dell’officina farmaceutica presso cui si intende avviare la produzione di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva, è tenuto a presentare all’AIFA (Ufficio Ispezioni e Autorizzazioni GMP Medicinali) un’istanza di autorizzazione.

Le strutture che sono già in possesso di un’autorizzazione GMP per la produzione di medicinali per terapie avanzate sono esentate dal richiedere all’AIFA un’ulteriore autorizzazione alla produzione, purché il medicinale sia ottenuto mediante lo stesso processo produttivo e con analoghi requisiti di qualità e previa presentazione all’AIFA del Dossier del Medicinale per Terapia Avanzata (DMTA), al fine di poter avviare la produzione per singoli pazienti.

Qualora la produzione per singoli pazienti sia eseguita a fronte di un DMTA già presentato all’AIFA, non è necessario sottomettere un duplicato del DMTA per ogni nuova produzione effettuata su singoli pazienti.

Le strutture già in possesso di un’autorizzazione GMP per la produzione di medicinali per terapie avanzate che intendano preparare su base non ripetitiva un medicinale per terapie avanzate di diversa tipologia o comunque ottenuto mediante un diverso processo produttivo rispetto a quanto già autorizzato, devono presentare istanza di estensione corredata dalla documentazione indicata nell'apposita modulistica (Mod. 031/06) e accludendo anche i documenti di seguito elencati:

  • DMTA, contenente le informazioni specificate nell’allegato 1 del D.M. 16 gennaio 2015, relativo ad un medicinale per terapia avanzate di diversa tipologia;

ovvero

  • Versione aggiornata di un DMTA precedentemente sottomesso ad AIFA (Ufficio Ispezioni e Autorizzazioni GMP Medicinali) cui siano state apportate modifiche rilevanti a carico delle attività di produzione e controllo del medicinale, evidenziando le sezioni oggetto di modifica;  
  • copia della ricevuta di avvenuto versamento corrispondente al 50% della tariffa prevista “Per ogni estensione dell’autorizzazione alla produzione e per ogni modifica essenziale attinente all'Officina di produzione di medicinali e/o sostanze attive sterili e/o di origine biologica (rif. tariffa H4 in vigore dal 01/01/2018 prevista dal Decreto del Ministro della Salute 6 dicembre 2016 e s.m.i. pubblicate nel sito istituzionale dell’AIFA).

I produttori di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva sono tenuti a segnalare all’AIFA (Ufficio Qualità dei Prodotti e Contrasto al Crimine Farmaceutico: qualita.prodotti@pec.aifa.gov.it) ogni difetto di qualità riscontrato su tali medicinali.

I produttori devono altresì comunicare ad AIFA (Ufficio Ispezioni e Autorizzazioni GMP Medicinali: ufficiogmpmed@pec.aifa.gov.it; Area Pre Autorizzazione: advancedtherapy@aifa.gov.it, entro il mese di gennaio di ogni anno, il numero di lotti di ciascun medicinale per terapie avanzate su base non ripetitiva prodotti nell’anno precedente e utilizzando il “Modulo per la comunicazione dei lotti prodotti” in allegato.

Si richiama infine l’attenzione dei produttori di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva sugli obblighi di produrre i summenzionati medicinali in conformità ai principi delle norme europee di buona fabbricazione dei medicinali (EU GMP), in cui sono state recentemente pubblicate le linee guida GMP specifiche per i medicinali per terapie avanzate (EU GMP_Parte IV).

Autorizzazione all'impiego

L’autorizzazione all’impiego dei medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva, che soddisfino contemporaneamente le condizioni di “mancanza di valida alternativa terapeutica” e di  “urgenza ed emergenza che pongano il paziente in pericolo di vita o di grave danno alla salute”, è obbligatoria ed è rilasciata da AIFA su parere conforme della Commissione per la valutazione dell'ammissibilità alla sperimentazione di fase I, di cui all’art.7 del D.P.R. n. 439 del 21/09/2001.

Al fine di ottenere il rilascio dell’autorizzazione all’impiego, il rappresentante legale della struttura sanitaria presso la quale avverrà la somministrazione del medicinale è tenuto a presentare ad AIFA una domanda di autorizzazione (secondo la modulistica allegata), corredata da copia del DMTA aggiornato, con indicazione degli eventuali cambiamenti intercorsi dalla presentazione in seno all’istanza di autorizzazione alla produzione, dal protocollo di trattamento proposto, dal parere favorevole del comitato etico competente dell'ospedale pubblico, clinica universitaria o istituto di ricovero e cura a carattere scientifico coinvolto nell'impiego, e da documentazione idonea a consentire una congrua valutazione del rapporto tra i rischi prevedibili e i benefici ipotizzabili del trattamento proposto. La produzione e l'impiego di una classe di medicinali preparati su base non ripetitiva è giustificata qualora non vi sia alcuna alternativa terapeutica, ovvero quando non esista alcun trattamento autorizzato  per la stessa indicazione, nonché sussista una condizione di emergenza di trattamento.

L’impiego di medicinali di terapia avanzata per uso non ripetitivo e la verifica del rispetto delle condizioni previste dal D.M. del 16 gennaio 2015  è sotto l’esclusiva responsabilità professionale del medico. A tal fine il medico prescrittore provvederà ad inoltrare, unitamente alla domanda di impiego, una dichiarazione (secondo la modulistica allegata) in cui si assume la piena responsabilità della somministrazione del medicinale preparato su base non ripetitiva.

L’AIFA, su conforme parere della Commissione di cui all’art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 21 settembre 2001, n. 439, rilascia l'autorizzazione all’utilizzazione di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva sulla base della valutazione della documentazione allegata alla domanda e richiamata dal decreto. In particolare, la valutazione si basa su tutti i dati di sicurezza ed efficacia provenienti da sperimentazioni cliniche eventualmente disponibili e il fondamento razionale del trattamento proposto, con specifico riferimento alle caratteristiche biologiche delle popolazioni cellulari impiegate, al meccanismo d’azione ipotizzato e alla congruità della via di somministrazione in relazione alla eziologia, patogenesi e storia naturale della patologia e dell'indicazione per la quale è richiesto l’impiego del medicinale, nonché sulla dichiarazione da parte del medico prescrittore dell'assenza di valida alternativa terapeutica e di condizioni di urgenza ed emergenza che pongano il paziente in pericolo di vita o di grave danno alla salute.

AIFA è estranea ad ogni eventuale disputa concernente la violazione dei diritti di proprietà industriale e della tutela brevettuale dei medicinali per terapie avanzate e, pertanto, non potrà essere ritenuta responsabile in alcun modo per eventuali violazioni della copertura brevettuale di principi attivi utilizzati per la produzione e utilizzazione di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva, in deroga alle limitazioni del diritto di brevetto previste dalla normativa vigente.

Uffici di riferimento

Uffici di riferimento

Ufficio Ispezioni e autorizzazioni GMP medicinali

Renato Massimi

r.massimi@aifa.gov.it

Area Pre-autorizzazione

Sandra Petraglia

s.petraglia@aifa.gov.it

Nested Applications

Notizie

Nested Applications

Ultimi Tweet

Vai al profilo Twitter

Multimedia

Farmaci & Estate

I consigli di AIFA sulla conservazione dei medicinali nella stagione estiva
Vai al canale Youtube
torna all'inizio del contenuto